12 settembre 2022

Il progetto REVIVAL a Graz

All’inizio di ottobre i partners del progetto europeo REVIVAL, dedicato al sostegno dei settori culturali e creativi - duramente penalizzati dall’emergenza Covid-19 - anche attraverso l’utilizzo dei moderni spazi digitali e degli strumenti innovativi di realizzazione e diffusione di eventi artistici ed educativi, si ritroveranno per un incontro presso il centro dell’Ordine Ospedaliero a Kainbach bei Graz in Austria. 
REVIVAL è uno dei numerosi progetti europei promossi dall’ufficio di Bruxelles “Hospitality Europe” ed ha l’obiettivo di favorire l’inclusione delle persone disabili attraverso la loro partecipazione ad attività artistiche e culturali, in particolare nel settore teatrale e della recitazione. Tra i partners vi sono centri dell’Ordine e delle Suore ospedaliere in Spagna, Portogallo, Irlanda, Polonia, Austria e Germania, oltre alla compagnia teatrale Aratos (Grecia) ed allo stesso ufficio Hospitality Europe (Belgio), che svolge il duplice ruolo di dare supporto tecnico alla coordinazione del progetto e garantire una visibilità europea allo stesso ed ai risultati finali. 
Dopo le numerose riunioni online (causa pandemia) e gli incontri in presenza di Madrid e Dublino, i partners si ritroveranno a Graz il 4 e 5 ottobre prossimi per continuare a confrontarsi e lavorare sui due principali prodotti intellettuali del progetto: un programma digitale per favorire la conoscenza e l’accesso al mondo teatrale e della recitazione in favore delle persone con disabilità intellettiva e una pubblicazione con le linee guida per l’organizzazione di eventi artistici e culturali che coinvolgano in prima linea le persone con disabilità o altre vulnerabilità. 
Tra le prossime tappe del progetto vi sono una riunione transnazionale in Grecia (culla e cuore del mondo teatrale) ed una mobilità collettiva in Spagna cui prenderanno parte anche alcune persone con disabilità coinvolte nelle attività creative e culturali nei centri partecipanti.  
 
Il progetto REVIVAL è finanziato con il sostegno della Commissione Europea.  
L’autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.