30 novembre 2021

Il progetto VICTORIA a Brescia

Un altro progetto che vede coinvolti numerosi centri dell’Ordine in Europa ha ripreso le attività in presenza a 2 anni di distanza dal precedente incontro ante-pandemia. Si tratta del progetto VICTORIA, finanziato dalla Commissione Europea nel 2019 per la formazione specialistica degli operatori socio-sanitari che assistono persone vulnerabili (disabili, persone con problemi di salute mentale, migranti, ecc.) che sono state anche vittime di violenza. 
VICTORIA è infatti l’acronimo del titolo del progetto “Le vittime di violenza superano la paura e l’isolamento attraverso la formazione per adulti” (in inglese, “VICTims of violence Overstep Reluctance and Isolation through Adult education”) ed è coordinato dalla Fondazione Juan Ciudad di Madrid.
Il 22 e 23 novembre i partners del progetto si sono ritrovati a Brescia presso la sede dell’Asilo notturno San Riccardo Pampuri, dopo aver proseguito le attività a distanza ed in modalità virtuale durante tutto il periodo di emergenza sanitaria. 
I partners si sono confrontati sul lavoro svolto individualmente per la realizzazione dei “prodotti intellettuali” del progetto: un protocollo transnazionale per il supporto socio-educativo delle persone adulte vittime di violenza; un corso di specializzazione per il personale socio-sanitario sull’assistenza alle vittime; un vademecum per verificare costantemente i miglioramenti e il reinserimento sociale delle persone assistite. 
Ai partecipanti sono state illustrate e condivise le esperienze dell’Asilo Notturno San Riccardo Pampuri, in cui da diversi anni vengono ospitati ed accompagnati dei migranti e rifugiati – anche minorenni – che arrivano in Europa dopo aver vissuto esperienze traumatiche a causa di conflitti bellici nei Paesi d’origine oppure durante gli itinerari migratori. 
Stante le limitazioni imposte dalla pandemia, la Commissione Europea ha prorogato la durata del progetto fino al 30 aprile 2022. Il prossimo incontro verrà programmato e realizzato in base all’evoluzione della pandemia nei prossimi mesi ed alle possibilità effettive di viaggiare ed incontrarsi in condizioni di sicurezza.  
 
Il progetto VICTORIA è finanziato con il sostegno della Commissione Europea.  
L’autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.